Italiano
 
 
 
Deutsch

AL VIA IL CORSO PER ORTOLANI “CUSTODI DI SEMI”

lunedì, 06 febbraio 2017

Broccoli, rape, mais, fave, fagioli, mele, susine, pesche, albicocche, viti “popolavano” in passato le braide del Gemonese. Oggi gran parte delle varietà autoctone, frutto di selezioni naturali dovute al clima e alle preferenze alimentari di un tempo, sono state dimenticate o sostituite da varietà selezionate e talvolta esotiche.

 

Per riportare la biodiversità di specie antiche e probabilmente meno problematiche nei nostri orti e giardini, partirà il 17 febbraio ad Artegna un corso di orticoltura tutto speciale. Il tecnico agrario Angelo Mattiussi, che da anni collabora con l’Ecomuseo delle Acque per la formazione e la divulgazione di pratiche agronomiche sostenibili, insegnerà a propagare l’insalata della nonna, il fagiolo del nonno tramandato di padre in figlio, la vecchia pianta di susine, così buone ma che rischiano di scomparire, e tante altre prelibatezze che potranno ritornare sulle nostre tavole grazie alla passione (da attivare) e alla conoscenza (da acquisire). Obiettivo: formare tanti ortolani “custodi di semi”.

Il corso, finalizzato a un progetto didattico promosso dal Comune di Artegna con la collaborazione dell’Ecomuseo, vuole anche formare persone disposte a prendersi cura di alcune aiuole che a partire dalla primavera verranno allestite nel centro cittadino, presso il parco di via Monte, con esposizione delle specie autoctone ancora presenti negli orti familiari, spesso abbandonati.

 

L’attività si articolerà in tre lezioni frontali, che avranno luogo di venerdì alle 20.30 presso la sala conferenze del Centro sociale di Artegna in piazza Marnico (accesso dal cortile delle Scuole), e in due laboratori sul campo, in programma il sabato pomeriggio. Viene richiesto un piccolo contributo spese.

 

Info e iscrizioni: 338 7187227, info@ecomuseodelleacque.it